solidarietÓ ai kurdi arrestati
Lo SLAI Cobas per il sindacato di classe esprime la sua solidarietÓ ai  membri della comunitÓ kurda arrestati in questi giorni su una operazione della Digos di Venezia perchÚ ritenuti  appartenenti al PKK  che si addestrano in Italia.
Si tratta comunque di una montatura giudiziaria inaccettabile  la lotta di liberazione condotta dal PKK e da altre realtÓ presenti nel  Popolo Kurdo non Ŕ terrorismo  i militanti kurdi arrestati non hanno commesso alcun reato nel nostro  paese.
Ne richiediamo la scarcerazione e ribadiamo il nostro sostegno alla comunitÓ Kurda in Italia e alla lotta di liberazione del Popolo Kurdo contro il regime reazionario in  Turchia.

 SLAI Cobas per il sindacato di classe
 coordinamento nazionale  2 marzo 2010
 

Aggiungiamo a titolo redazionale che la nostra solidarietÓ va anche al proletario attualmente detenuto e nativo di Montebelluna (TV), Andrea Orlando che ha protestato pubblicamente dal carcere di Treviso la sua innocenza giuridica e rivendicato la sua solidarietÓ alla lotta del Popolo
Kurdo e la sua partecipazione alla manifestazione dei 200.000 a Strasburgo nel decennale della cattura del Presidente Ošalan.

SLAI Cobas per il sindacato di classe
 coordinamento regionale Veneto  4 marzo 2010