Taranto - tornano in piazza i disoccupati organizzati

venerdý 11 febbraio 2011 - presidio al Comune - con assemblea sotto il comune su piano bando raccolta differenziata, corsi e altro - 200 posti di lavoro
Ancora una volta registriamo il silenzio da parte del Comune di Taranto sulla questione rifiuti/raccolta differenziata per tutta Taranto.
Eppure Ŕ in corso da tempo una mobilitazione contro i rifiuti che pone in maniera chiara la necessitÓ di avviare seriamente la raccolta differenziata
a Taranto.
Eppure, nei mesi scorsi la Regione ha stanziato altri 1 milione e 800 mila euro, che dovrebbero essere destinati direttamente al Comune di Taranto, per
ampliare la raccolta differenziata attualmente a livelli indecenti.
La lotta dei Disoccupati Organizzati Slai cobas ha ottenuto un primo importante risultato: da questo mese sono stati avviati dalla Provincia i corsi di formazione retribuiti per operatore raccolta differenziata. E' la prima volta che succede a Taranto in queste forme ed Ŕ solo il frutto della battaglia dei Disoccupati Organizzati per unire lavoro/ambiente.
Ma questi corsi devono essere finalizzati al lavoro, altrimenti sarebbero inutili! I disoccupati devono essere assunti sia nel piano di raccolta differenziata che partirÓ ad aprile e investe S.Vito-Lama-Talsano, sia nell'ulteriore piano che deve investire gli altri quartieri di Taranto.
IL SINDACO STEFANO ORA non pu˛ pi¨ dire: "non Ŕ mia competenza", visto che Ŕ il Comune che dovrebbe gestire gli ulteriori fondi.
PerchŔ, delle due, l'una: o il Comune fa subito un progetto per la raccolta differenziata e i soldi si utilizzano per l'assunzione dei disoccupati e non vanno nel buco nero dell'Amiu; o sia la Provincia a prendere nelle sue mani la questione del nuovo progetto e realizzazione raccolta differenziata.
NON SI TRATTA DI PICCOLA VERTENZA, MA DI UN PROGETTO ALTO CHE RIGUARDA L'INTERA CITTA' E CHE OGGI VEDE UNITI A TARANTO I MOVIMENTI CHE LOTTANO PER L'AMBIENTE E IN QUESTI MESI CONTRO I RIFIUTI E I DISOCCUPATI ORGANIZZATI CHE LOTTANO PER IL LAVORO !

DISOCCUPATI ORGANIZZATI SLAI COBAS per il sindacato di classe