Comunicato stampa breve del Coordinamento provinciale di Venezia di Slai Cobas per il sindacato di classe

28-9-2011

 
Oggi presso la Raffineria Eni di Marghera si Ŕ tenuta l'assemblea generale dei lavoratori compresi quelli degli appalti. La discussione Ŕ stata aperta, la decisione all'unanimitÓ NO alla cassa integrazione. I responsabili nazionali chimici di Cgil-Cisl-Uil recatisi all'assemblea hanno aderito alla posizione dei lavoratori nÚ potevano altrimenti, e hanno chiesto di poter fare da "regia"
della lotta, gli ha risposto il Cobas dicendo "voi fate la regia, i lavoratori scrivono il copione". La lotta continua anche domani.
Circa lo sciopero indetto da Cisl e Uil sui porti, la ns.posizione Ŕ di non adesione alle iniziative prese dai sindacati concertativi. La posizione Cgil riflette l'interesse della Compagnia lavoratori
portuali che va difesa ed ampliata, ma che non deve fare uso di contratti interinali nÚ a tempo determinato, per essere collocata correttamente negli interessi del movimento dei lavoratori. Solo attraverso l'autorganizzazione i lavoratori del Porto possono vedere affermati i loro diritti. A breve vedremo come andrÓ con la mobilitÓ di comodo voluta da una ditta del Porto, 5 dei 6 operai licenziati alla Vecont infatti hanno ricorso con il nostro sostegno al Tribunale del Lavoro di Venezia.